martedì 11.12.2018
caricamento meteo
Sections

Commercio

Esercizi commerciali polifunzionali

Interventi per le imprese nel settore del commercio e dei servizi

Cosa fa la Regione

Al fine di favorire, nelle località scarsamente popolate, un presidio capace di fornire beni e servizi di prima necessità e contrastare fenomeni di rarefazione del sistema distributivo e dei servizi, l'art. 9 della legge regionale 5 luglio 1999 n. 14 e ss.mm.ii., ha previsto che i Comuni possano promuovere nelle aree montane e rurali, nonché nei centri e nuclei abitati con popolazione inferiore a 3.000 abitanti, la presenza di esercizi commerciali polifunzionali,  ossia, esercizi nei quali l’attività di commercio al dettaglio, con superficie di vendita non superiore a 250 metri quadrati, prioritariamente di prodotti del settore merceologico alimentare e l’eventuale attività di esercizio di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande, sono esercitate unitamente ad altri servizi di interesse per la collettività, eventualmente in convenzione con soggetti pubblici o privati.

Con deliberazione n. 2022 del 26 novembre 2018 la Giunta regionale ha approvato i criteri per l'individuazione delle aree interessate da fenomeni di rarefazione del sistema distributivo e dei servizi nonché i criteri e le caratteristiche che le attività commerciali devono possedere ai fini dell'attribuzione della denominazione di esercizio commerciale polifunzionale.

Nell’ambito dei propri territori, i Comuni individuano, con provvedimento del proprio organo competente, le aree con popolazione residente, inferiore a 3.000 abitanti, soggette a fenomeni di rarefazione del sistema distributivo e di servizi, sulla base della presenza, nell’area di riferimento, di un numero massimo tre esercizi commerciali del settore merceologico alimentare (o misto) ogni 1.000 abitanti.
Sono considerate, comunque, zone soggette a fenomeni di rarefazione commerciale le aree con popolazione residente fino a 350 abitanti, nelle quali sia presente un solo esercizio commerciale del settore merceologico alimentare (o misto).
I Comuni dovranno trasmettere all’indirizzo Pec comtur@postacert.regione.emilia-romagna.it  del Servizio Turismo, Commercio e Sport della Regione-Emilia-Romagna, il suddetto atto di individuazione delle aree soggette a fenomeni di rarefazione commerciale, entro febbraio 2019 e procedere entro febbraio di ciascun anno, al relativo aggiornamento, nel caso si riscontri che una o più delle aree individuate non sia più rispondente ai criteri di cui alla sopra citata deliberazione ovvero per individuare ulteriori aree rispondenti ai suddetti criteri. In assenza degli aggiornamenti, si intenderà come situazione non mutata.
La Regione, al fine di sostenere l'insediamento e lo sviluppo degli esercizi commerciali polifunzionali, prevede la concessione di specifici contributi, i cui bandi sono consultabili nella sezione Finanziamenti aperti

A chi rivolgersi

Servizio turismo, commercio e sport
Responsabile: Paola Bissi
Viale Aldo Moro, 38
40127 Bologna
tel.: 051 5276430
fax: 051 5276599
comtur@regione.emilia-romagna.it
email certificata: comtur@postacert.regione.emilia-romagna.it

Referente
Marcello Santoro
051.5276505
marcello.santoro@regione.emilia-romagna.it

Azioni sul documento
Pubblicato il 27/11/2018 — ultima modifica 28/11/2018
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it