Industrie culturali e creative: dati, informazioni, buone pratiche

Online il report sul settore frutto di un progetto a cui ha aderito la Regione Emilia-Romagna e promosso da Ocse e Commissione Europea

Nel 2021 la Regione Emilia-Romagna ha aderito al progetto Cultural and creative sectors and local development  promosso dall’Ocse in collaborazione con la Commissione Europea per realizzare un’indagine quali-quantitativa sul settore delle industrie culturali e creative in diversi territori europei.

Un'attività che ha permesso di raggiungere diversi obiettivi. Il report permette di continuare ad approfondire un ambito che presenta caratteristiche atipiche ma che risulta essere sempre più rilevante per numerose economie regionali, non solo in termini di impatto economico e sociale ma anche per la creatività e l’innovazione che è capace di iniettare in altri settori più tradizionali.


Mettere a disposizione i dati e raccontare dei casi studio che funzionano aiuta i decisori nell’elaborazione di politiche e strategie sempre più mirate, volte alla crescita di professionisti e organizzazioni che operano in questo campo.

Il report  ha permesso di redigere e includere raccomandazioni per le regioni che hanno aderito, con l’obiettivo di sostenere misure efficienti per il consolidamento delle ICC.


Un possibile strumento che può aiutare ad indirizzare i prossimi passi grazie alle risorse dal Pnrr e della nuova programmazione europea 2021-2027.

Le indicazioni 

L’Osservatorio Cultura e Creatività dell’Emilia-Romagna ha selezionato alcuni suggerimenti raccolti dalle quattro sezioni che compongono il report: occupazione, partecipazione culturale, musei e sviluppo locale, finanziamenti pubblico-privati.

1 – Incoraggiare programmi per lo sviluppo imprenditoriale del settore ICC
2 – Contribuire al capacity building in ambito digitale delle organizzazioni culturali e creative per sostenere le trasformazioni dei loro modelli di business
3 – Creare opportunità di networking tra professionisti per incentivare lo scambio di know-how e nuove skill interdisciplinari
4 – Coinvolgere operatori ICC nei processi di policy per rispondere in modo più puntuale alle loro necessità tramite misure, bandi, iniziative ad hoc
5 – Sostenere, tramite programmi e nuove forme di finanziamento, sia la fase di start-up delle ICC che quella di consolidamento, incoraggiando la cross-fertilizzazione
6 – Incentivare le collaborazioni con il mondo della formazione e quello della salute
7 – Rafforzare il supporto alle iniziative cittadine (volontari, no-profit etc) nell’ambito della cultura e della creatività
8 – Attivare misure che permettano un accesso maggiore alla finanza da parte delle ICC
9 – Sviluppare metriche che portino alla valutazione dell’impatto generato delle ICC nel loro complesso

Scarica il report 

Azioni sul documento

pubblicato il 2022/08/01 12:50:49 GMT+2 ultima modifica 2022-08-01T12:50:49+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina