Viaggio nella Motor Valley modenese: Il futuro della mobilità elettrica è già qui

L’assessore regionale Colla e il sindaco di Modena Muzzarelli in visita a CPC Group ed Energica

Nelle realtà produttiva dell’automotive modenese con l'assessore alle Realtà produttive della Regione Emilia-Romagna Vincenzo Colla che, accompagnato dal sindaco di Modena Giancarlo Muzzarelli, ha visitato CPC Group ed Energica e incontrato i vertici della Fondazione Democenter, rappresentanti di Camera della commercio di Modena e dell’Università di Modena e Reggio Emilia.

"Il futuro applicato anche nella mobilità elettrica, è già qui - ha commentato l'assessore Colla -. Questo grazie alle idee, alle innovazioni, alle sperimentazioni e produzioni di alcune splendide realtà del nostro territorio, che rappresentano assolute eccellenze a livello mondiale. La transizione green che l’Europa ci chiede, nella Motor Valley è già iniziata e la Regione la sta accompagnando. Dobbiamo governare insieme il passaggio all’elettrico, mettendo in campo una strategia che ci consenta anche di attirare talenti".

Prima tappa alla CPC Group

La prima visita ha riguardato la CPC Group, leader mondiale della lavorazione in fibra di carbonio che serve i grandi marchi dell’automotive: da Ferrari a Lamborghini, da McLaren a Maserati, da Tesla a Ducati, da Bmw a Porsche, ma è coinvolta anche nei progetti innovativi sulla mobilità elettrica di Lotus e Google. L’azienda, che oggi conta 4 sedi tra Modena, Bomporto e Camposanto, grazie allo studio e sviluppo sui materiali compositi è passata dai 15 dipendenti del 1990 ai 720 del 2020. Un progetto di espansione che entro i prossimi due anni porterà a Modena, fra gli altri, anche il centro europeo di sviluppo e ricerche di Mitsubishi e prevede un incremento occupazionale di circa 600 unità. Franco Iorio, amministratore delegato di CPC Group, ha inoltre annunciato i nuovi progetti che interessano in particolare il settore dell’auto elettrica e della guida autonoma.

"Ho apprezzato il grande livello qualitativo della ricerca, del prodotto e del lavoro svolto in CPC Group – ha aggiunto Colla – un’azienda che porta l’Emilia-Romagna nel mondo grazie ad un know how unico. È una realtà dove convivono perfettamente innovazione tecnologica e artigianalità altamente specializzata e che come Regione ci impegniamo ad affiancare rispetto alle esigenze di nuove professionalità, implementando le relazioni con gli istituti tecnici, le università e il tecnopolo di Modena".

Seconda tappa: Energica

A Soliera l’assessore regionale ha visitato Energica, quartier generale mondiale della moto elettrica ad alte prestazioni. L’unica società al mondo a produrre le due ruote per la MotoE, la categoria del Motomondiale dedicata alle moto elettriche. L’azienda - nata nel 2014, ha avuto grande accelerazione nel 2016 con l'avvio delle vendite e la quotazione in Borsa - progetta, disegna, produce e assembla in proprio ogni componente, comprese le batterie e negli ultimi 3 anni ha moltiplicato per 7 il fatturato. Nonostante la pandemia è in continua crescita, con ordini in aumento, tanto che nonostante il lockdown ad oggi ha già raddoppiato l’intero fatturato 2019. Ordini che arrivano dall’estero però, denuncia Livia Cevolini, Ad di Energica, perché “in Italia scontiamo la mancanza di incentivi e di infrastrutture per la ricarica”.

"Siamo al fianco dell’azienda per sostenere progetti futuri dedicati alla sicurezza ma soprattutto vogliamo portare una realtà come questa all’attenzione nazionale – ha detto Colla. – Sosterremo un dialogo con il MISE affinché l’Italia, sfruttando i fondi europei in arrivo, si adoperi per predisporre un piano di infrastrutture di fast charge che ci ponga al passo con le regioni più avanzate d’Europa".

L'importanza della formazione

In chiusura Colla e Muzzarelli hanno incontrato i rappresentanti della Fondazione Democenter, della Camera di commercio di Modena e dell’Università di Modena e Reggio per affrontare insieme il tema della formazione per mettere in rete nel migliore dei modi, attraverso il locale tecnopolo, il mondo della ricerca con le esigenze delle imprese del settore automotive. "Servono investimenti molto più forti sull’alta formazione e sugli indirizzi tecnici – ha concluso Colla – ma anche su un’istruzione che permetta di creare competenze e una riconversione dei saperi indispensabili per le nuove filiere che diventeranno sempre più strategiche nei prossimi anni".

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/06/18 17:52:25 GMT+2 ultima modifica 2020-06-18T17:52:25+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina