Saeco a rischio? Massima attenzione da parte della Regione

L’assessore Costi interviene sulle notizie di una possibile vendita dello stabilimento nel bolognese

Grande preoccupazione per il futuro dello stabilimento Saeco di Gaggio Montano, nel bolognese, dopo la notizia trapelata sulla possibile vendita - da parte della casa madre - dell'azienda che produce macchine da caffè. 

“La Regione si attiverà immediatamente incontrando sia i rappresentanti dei lavoratori sia per conoscere le intenzioni direttamente dalla proprietà - ha dichiarato l’assessore regionale alle Attività produttive, Palma Costi -. La vicenda Saeco evoca una difficile trattativa che negli anni scorsi ha segnato un pezzo della storia produttiva e occupazionale dell’Appennino bolognese, i sacrifici fatti dai lavoratori e le azioni intraprese dalle istituzioni, come il fondo regionale per la formazione destinato ai lavoratori in esubero e il patto territoriale per facilitarne la ricollocazione, per mantenere in quell’area una realtà produttiva radicata”.

“Anche per queste ragioni - ha dichiarato Palma Costi - mi sarei aspettata una comunicazione da parte dalla proprietà, in modo da poter conoscere le modalità con le quali intendono agire e quali garanzie offrono per tranquillizzare i lavoratori e il territorio, in merito alla continuità aziendale e occupazionale. Una operazione di vendita non deve necessariamente innescare preoccupazioni, ma da parte nostra ci sarà la massima attenzione e la richiesta assoluta della garanzia occupazionale, per un territorio che ha già subito un ridimensionamento dei posti di lavoro”.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/01/22 15:00:00 GMT+2 ultima modifica 2020-02-04T11:27:22+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina