Parmalat, l’assessore Costi incontra l’ad di Lactalis Italia

L'azienda francese: “Emilia-Romagna strategica per il Gruppo"

L'Emilia-Romagna è fondamentale nella nuova riorganizzazione operativa del Gruppo Lactalis. L’amministratore delegato di Lactalis Italia, Jean-Marc Bernier, nell’incontro che si è svolto il 20 febbraio 2019 a Modena con l’assessore alle Attività produttive della Regione Emilia-Romagna, Palma Costi, e il management di Galbani e Parmalat, ha illustrato gli obiettivi: rafforzare la presenza nei mercati, mantenere l’Italia come area strategica del Gruppo industriale, sostegno all’economia locale attraverso la propria presenza produttiva, senza alcuna delocalizzazione, compreso per ciò che riguarda l’approvvigionamento della materia prima. Sono gli impegni presi dall in merito alla riorganizzazione annunciata nelle precedenti settimane.

Durante l’incontro, Bernier ha confermato il fatto che una volta completata l’uscita di Parmalat dalla Borsa, il Gruppo Lactalis avrà una nuova organizzazione operativa composta da nove zone (geografiche e di prodotto), con l’obiettivo di rafforzare la vicinanza nei vari mercati migliorando così la sua performance globale.

In questo quadro, una delle nove aree strategiche sarà rappresentata dall’Italia, seconda per importanza nel Gruppo con un giro d’affari di circa 2,5 miliardi di euro e circa 5.000 collaboratori diretti: raggrupperà tutte le attività e i marchi appartenenti a Lactalis nel Paese, facenti capo a Galbani e Parmalat. Questa nuova realtà rappresenterà il più grande acquirente di latte italiano, con circa 1,3 miliardi di litri di latte lavorati16 stabilimenti produttivi sul territorio nazionale, apportando un grande contributo economico a tutto il Paese, dove l’azienda continuerà a sostenere le economie locali in maniera significativa, attraverso la propria presenza produttiva e approvvigionandosi della materia prima, senza delocalizzare.

L’assessore Palma Costi ha preso atto della volontà dell’azienda di continuare a investire sui marchi, sul mantenimento degli attuali perimetri produttivi e sul proseguimento dell’attività dei due centri di ricerca e sviluppo italiani oggi esistenti, uno per il latte a Collecchio e l’altro per i prodotti caseari. Inoltre, ha richiamato l’attenzione sull’impatto occupazionale diretto e indiretto derivante dalla presenza del Gruppo in Emilia-Romagna, ed informando sulle opportunità che le politiche industriali regionali offrono al sistema produttivo.

Molto importante la volontà sottolineata dall’azienda di proseguire il confronto con le Organizzazioni Sindacali e le RSU  in merito al processo di riorganizzazione, confronto già iniziato e che seguiremo con attenzione.

L’incontro si è concluso con la disponibilità di entrambe le parti a proseguire il dialogo positivo avviato in merito al futuro assetto dell’azienda sul territorio.

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/03/01 10:55:00 GMT+2 ultima modifica 2019-05-07T15:03:48+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina