Settore benessere, acconciatura ed estetica: pronte le linee guida sulla sicurezza

Tra i punti condivisi, uso di mascherine, igiene dei locali e modalità di accesso dei clienti ai negozi

La Regione Emilia-Romagna condivide la proposta presentata da Cna e Confartigianato per la ripartenza del settore benessere in sicurezza, anche prima del 1° giugno 2020, come da indicazioni del Governo, se l'andamento della curva epidemica lo consentirà. Sul tema sono state proposte delle linee guida che dovranno essere rispettate in vista della riapertura degli esercizi commerciali che fanno capo al settore benessere, acconciatura ed estetica. In Emilia-Romagna il comparto conta 12 mila imprese, di cui quasi il 90% artigiane, che occupano oltre 23 mila addetti.

L’assessore allo Sviluppo economico e Lavoro, Vincenzo Colla, ha incontrato in videoconferenza i vertici regionali delle due associazioni di categoria per rispondere al grido d’allarme lanciato, negli ultimi giorni, dalle imprese di acconciatura ed estetica, preoccupate per la road map annunciata dal Governo. Nel corso dell’incontro, si sono gettate le basi per ripartire nella piena sicurezza dei lavoratori e dei clienti: si tratta di proposte di carattere organizzativo e igienico sanitario che vanno a definire nuove e specifiche modalità di lavoro e di rapporto con gli utenti.

In sintesi, la Regione ha condiviso le Linee guida al protocollo sicurezza per il settore benessere, definito da Cna, Confartigianato, Cgil, Cisl e Uil dell’Emilia-Romagna, elaborati dai dirigenti imprenditori. Un protocollo di sicurezza per la ripartenza, che viale Aldo Moro sottoporrà al Governo fissando così una via emiliano-romagnola anche per i settori acconciature ed estetica che stabilisce tutte le condizioni per la nuova fase, dopo i blocchi di queste settimane delle attività.

Linee guida in sintesi

Nel documento si definiscono le procedure da adottare con i fornitori, le modalità di permanenza dei clienti all’interno dei locali, che dovrà essere limitata al tempo strettamente necessario all’erogazione del trattamento. Nelle imprese più strutturate bisognerà garantire orari di apertura flessibili per rendere compatibile lo svolgimento dell’attività e la turnazione dei dipendenti.

Dovrà essere affissa una chiara cartellonistica nella quale fornire indicazioni sia al personale che alla clientela. Sia i dipendenti che i clienti avranno poi l’obbligo di indossare la mascherina (se necessario il personale potrà indossare la mascherina Ffp 2) in ogni fase del trattamento, comprese le operazioni di cassa. Per i centri estetici sarà previsto l’utilizzo di soprascarpe monouso, di camici monouso o lavaggio giornaliero degli indumenti ad alta temperatura con prodotti igienizzanti nonché l’accurata detersione dei lettini con ipoclorito di sodio-candeggina o alcool denaturato, e arieggiamento della cabina dopo ogni trattamento.

Il commento

“Abbiamo condiviso il percorso e l’impianto - ha spiegato l’assessore Colla -, già vagliato e approvato dagli enti bilaterali, sulla sicurezza per parrucchieri ed estetiste, che ci sono stati proposti dai vertici regionali di Cna e Confartigianato, con i rispettivi presidenti Dario Costantini eMarco Granelli e i direttori regionali Fabio Bezzi e Amilcare Renzi. È un fatto molto importante, che rappresenta il primo passo indispensabile per rimettere in moto un settore oggi profondamente a disagio e che coinvolge in particolare donne lavoratrici. Queste imprese, che spesso rappresentano l’unica e indispensabile fonte di reddito, si occupano della cura alla persona e forniscono un servizio che riguarda il benessere e la salute dei cittadini. È un tema che tocca anche la dignità dell’individuo e per questo merita una considerazione particolarmente attenta”.
L’assessore Colla ha aggiunto che “una volta assicurate tutte le procedure indispensabili per evitare il contagio, e verificato uno stabile trend della curva epidemica a seguito delle aperture del 4 maggio, si prenderà in considerazione anche un’anticipazione della ripresa di queste attività rispetto alle date previste. Sono convinto che l’ottimo lavoro messo a punto oggi, a conferma delle capacità di concertazione di questa regione, sarà un valido contributo per l’elaborazione di un protocollo nazionale definitivo che permetterà di svolgere un proficuo dialogo con il Governo, finalizzato alla soluzione della richiesta formalizzata dalle associazioni di rappresentanza imprenditoriali”.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/04/30 14:22:41 GMT+2 ultima modifica 2020-04-30T14:22:41+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina