sabato 20.04.2019
caricamento meteo
Sections

Cinema, due bandi per opere di imprese nazionali, internazionali e regionali

Nuove risorse per per chi sceglie l’Emilia-Romagna come location

La Regione Emilia-Romagna continua a investire nel settore cinema. Attraverso due nuovi bandi sono stati stanziati 2 milioni e 100mila euro per chi sceglie, nel 2019, il territorio regionale come location e come luogo per costruire un progetto cinematografico e audiovisivo, a cui si aggiungeranno altre risorse per il completamento dei progetti nel 2020.

Per il bando nazionale e internazionale sono a disposizione 1 milione e 500 mila euro, mentre per quello regionale 600mila. I contributi, a fondo perduto, sono assegnati attraverso il Fondo per l'audiovisivo, previsto dalla legge regionale sul Cinema (n.20/2014), che supporta la produzione di opere cinematografiche e audiovisive culturali, in grado di contribuire allo sviluppo della filiera regionale e alla professionalizzazione dei suoi differenti attori. L’iniziativa è stata presentata in Regione dall’assessore alla Cultura, Massimo Mezzetti e dal responsabile di Emilia-Romagna Film Commission, Fabio Abagnato.
"Anche nel 2019 La Regione Emilia-Romagna continuerà a investire nel settore - ha dichiarato l'assessore Mezzetti -, con circa 5 milioni e 300 mila euro, superando la cifra di 5 milioni di euro del 2018, di cui più della metà per la produzione. Il nuovo piano triennale e un rilancio del ruolo della Film Commission regionale hanno consentito di attrarre sul territorio importanti produzioni nazionali e qualche produzione internazionale, anche senza diretto sostegno economico. Questo ha significato più lavoro per gli operatori e lo sviluppo della rete regionale di servizi, con il supporto della rete degli enti locali”.

I dati del triennio

Dall’avvio della legge (2015-2017) l’impegno della Regione a favore delle attività legate alla filiera dell’audiovisivo ha visto un progressivo incremento, raggiungendo l’importo complessivo di 16 milioni di euro, di cui 4,3 destinati alla produzione di 133 progetti. Solo nel biennio 2015-2016 si è registrato un aumento dell’occupazione nel settore del 18%, dato probabilmente in crescita rispetto alle produzioni realizzate a seguire. Si calcola che nel triennio siano state realizzate sul territorio regionale 600 giornate di riprese, con l’impiego di oltre 500 unità di personale tecnico e artistico, per complessive 9000 giornate lavorate. Sempre nel triennio, è cresciuto il sostegno a rassegne e festival cinematografici e audiovisivi (passato da 3 a 16 rassegne e da 5 a 22 festival con finanziamenti da 86 mila euro a 1,3 milioni). Nello stesso periodo per il sostegno alla rete di esercizi cinematografici sono stati assegnati contributi annui di 315 mila euro e nel 2018 di 335 mila, per due progetti di Agis e Acec. Per la formazione le risorse annuali nel triennio sono state di 120 mila euro e nel 2018 di 137 mila per 7 progetti.  Alla Fondazione Cineteca di Bologna sono andati nello stesso triennio circa 2 milioni di euro per l’attività di ricerca, raccolta e catalogazione e restauro del patrimonio filmico e audiovisivo dell’Emilia-Romagna.

Azioni sul documento
Pubblicato il 29/01/2019 — ultima modifica 01/02/2019
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it