martedì 16.10.2018
caricamento meteo
Sections

Ricostruzione, la Comal Industria Alimentare di Novi di Modena torna a casa

Dalla Regione Emilia-Romagna un contributo di oltre 6,7 milioni di euro per ripartire

La Comal torna a casa. Il presidente della Regione Emilia-Romagna e commissario delegato alla Ricostruzione, Stefano Bonaccini ha partecipato all'inaugurazione del nuovo stabilimento della Comal Industria Alimentare, il 29 maggio 2018 a Novi di Modena. L’azienda, che produce salumi di alta qualità, a causa del sisma del 2012 aveva delocalizzato l’attività nella sede di Salara (Rovigo), dove aveva continuano la produzione per sei anni. 
“Un’altra azienda del territorio che ritorna a lavorare e produrre in Emilia-Romagna, grazie a un intenso lavoro svolto da istituzioni locali e proprietà per non perdere il contatto con un marchio prestigioso - ha dichiarato Bonaccini -. Abbiamo sostenuto la ferma volontà di questa impresa di voler rientrare a casa, nonostante le facilitazioni e risorse che pure la Regione Veneto aveva offerto alla proprietà. La delocalizzazione temporanea forzata è stata una necessità per continuare l’attività e salvaguardare l’occupazione. È la storia di tante imprese di questa regione, che hanno affrontato il dramma del terremoto rimboccandosi le maniche. E i risultati ci sono, e lo dicono con chiarezza i dati che ci parlano della concreta ripresa dell’economia, con grande merito di imprenditori e lavoratori di tutta l’area del cratere. Non dimentichiamo però che sono stati anni duri, e il nostro impegno è stato quello di non lasciare indietro nessuno”.
Grande soddisfazione per il ritorno assieme a tutti i dipendenti è stata espressa dal titolare della Comal, Claudio Barbolini. Il costo della ricostruzione dell’azienda è stato di circa 8,3 milioni di euro. Il contributo regionale per gli immobili è stato di 1 milione e 709 mila euro, mentre per la delocalizzazione temporanea e i beni strumentali sono stati erogati oltre 5 milioni, a cui si aggiungono 1 milione e 616 mila euro da assicurazione. Alla cerimonia erano inoltre presenti il sindaco Enrico Diacci e il parroco don Ivano Zanoni.

Azioni sul documento
Pubblicato il 06/06/2018 — ultima modifica 06/06/2018
< archiviato sotto: >
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it