domenica 19.11.2017
caricamento meteo
Sections

Turismo sportivo, l’Emilia-Romagna scommette sull’Appennino

In programma investimenti per oltre 16 milioni di euro per impianti e strutture di risalita

Fondi per nuovi impianti e per sostenere l’attività sportiva in montagna, sia d’inverno che in estate. La Regione Emilia-Romagna investirà complessivamente oltre 16 milioni di euro (10 milioni di risorse statali e oltre 6 di fondi regionali) per rafforzare il turismo, in primo luogo quello sportivo, della montagna. Lo hanno annunciato il presidente della Regione, Stefano Bonaccini e l’assessore regionale al Turismo, Andrea Corsini, intervenendo, insieme al ministro dello Sport, Luca Lotti, e al presidente del Coni, Giovanni Malagò, all’inaugurazione alla 24esima edizione di Skipass, il salone del turismo e degli sport invernali, che si è svolto dal 27 al 29 ottobre 2017 alla Fiera di Modena.
“In quello che si preannuncia come un anno record per il turismo emiliano-romagnolo con oltre 46 milioni di presenze in regione già registrate nei primi otto mesi - ha affermato Bonaccini- scommettiamo sull’attrattività delle nostre montagne come importante volano di crescita. A breve firmeremo l’accordo di programma con il Governo e la Regione Toscana - oltre 27 milioni di euro complessivi per i due territori tra risorse statali e regionali - che permetterà agli impianti tra monte Cimone e Corno alle Scale di proporre una stagione invernale competitiva con attrezzature all’avanguardia per tecnologia e sicurezza. Ma il nostro impegno non si ferma qui. Oltre 3 milioni di euro - ha proseguito il presidente - sono già stati stanziati per sostenere gli investimenti sugli impianti di tutta la regione perché il nostro sforzo continua a essere centrato sullo sviluppo e la crescita di tutto il territorio, da Piacenza a Rimini. Vogliamo che il turismo, che oggi ha un valore aggiunto superiore ai 16 miliardi di euro, ben oltre l’11% del Pil regionale, diventi sempre più un perno centrale di sviluppo economico”.

“Sosteniamo l’Appennino e la cultura dello sport- spiega l’assessore Corsini - con azioni che passano sia attraverso il sostegno concreto con interventi di messa in sicurezza, qualificazione e nuova costruzione di impianti e strutture (che finanziamo con risorse pubbliche), sia attraverso la promo-commercializzazione. La prima occasione è proprio qui a Modena al salone Skypass, dove siamo presenti con un’area espositiva di 228 mq, a cura di Apt Servizi Emilia-Romagna e dove le stazioni sciistiche delle regioni Emilia-Romagna e Toscana presenteranno insieme le proposte della prossima stagione invernale, tra pacchetti week end e promozioni per vacanze sulla neve e nella natura. La collaborazione tra territori per noi è fondamentale per aumentare l’attrattività e vincere le sfide dei nuovi mercati internazionali. Proprio ieri - ha aggiunto l’assessore - abbiamo avuto notizia che la guida Best in Travel 2018 di Lonely Planet ha inserito la nostra regione come unica meta italiana top, tra 10 destinazioni mondiali, scelta per i viaggi culturali in famiglia. Segno che il nostro turismo sta crescendo sempre più e che la strategia che stiamo promuovendo, insieme agli enti locali, alle imprese e agli operatori di settore, anche attraverso le Destinazioni turistiche, ci sta premiando”.

Gli interventi della Regione

La Giunta regionale ha approvato tre Piani di intervento (ai sensi della legge 17 del 2002) che assegnano complessivamente 3,2 milioni di euro a pubblici e privati proprietari o gestori degli impianti di risalita. I finanziamenti vanno a sostenere le spese di gestione delle imprese, in particolare connesse alla sicurezza degli impianti e delle piste; gli interventi di investimento sono invece destinati ad interventi strutturali (ad esempio, la revisione degli impianti a fune, l’innevamento artificiale, le sistemazioni ambientali) o all’acquisto di attrezzature. Alla copertura delle spese di gestione, riguardanti il 2018, sono state destinate risorse per 900 mila euro e per gli investimenti quasi 1,2 milioni di euro, tra 2017 e 2018. In provincia di Modena sono assegnati 490 mila euro per la gestione, 609 mila euro per gli interventi strutturali dei soggetti pubblici e oltre 269 mila euro per quelli dei privati gestori; in provincia di Reggio Emilia sono destinati 140 mila euro per le spese di gestione (a sicurezza degli impianti e piste), 380 mila euro per gli investimenti dei proprietari pubblici e 373 mila euro per i privati gestori; in provincia di Parma sono previsti 103 mila euro per la gestione di impianti e piste e 213 mila euro per gli investimenti dei privati gestori; in provincia di Bologna, 126 mila euro sosterranno le spese di gestione degli impianti e 318 mila euro gli interventi strutturali dei privati; in provincia di Piacenza, sono assegnati oltre 15 mila euro per la gestione e più di 108 mila euro per gli investimenti dei privati; in provincia di Forlì-Cesena, infine, oltre 25 mila euro sono destinati alle spese per la sicurezza e 10 mila euro per gli interventi dei soggetti privati.

Otto mesi col segno più

L’Appennino emiliano-romagnolo, condizionato a inizio anno dalle condizioni meteo sfavorevoli, presenta un bilancio invernale salvato da una discreta seconda parte di stagione (febbraio e marzo) e da un’estate positiva, grazie al bel tempo e il caldo, che ha spinto in quota numerosi turisti già dal mese di giugno. In base ai dati raccolti ed elaborati dall’Osservatorio turistico regionale, in collaborazione con Trademark Italia, i primi otto mesi del 2017 (gennaio-agosto), si sono chiusi positivamente per il comparto ricettivo appenninico, con una crescita del +8,7% degli arrivi e del +10,5% delle presenze. Sono aumentati sia i turisti italiani (+9,2% gli arrivi e +11,1% le presenze), che quelli internazionali (+6,1% gli arrivi e +8% le presenze), a conferma di una crescente attrattività del territorio in chiave ambientale-naturale e sportiva.

Azioni sul documento
Pubblicato il 06/11/2017 — ultima modifica 13/11/2017
< archiviato sotto: >
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it