Patto per la crescita intelligente, sostenibile e inclusiva

Il primo dicembre 2011 è stato siglato il "Patto per la crescita intelligente, sostenibile e inclusiva" che definisce i criteri base necessari per affrontare la crisi: lavoro e impresa, qualità sociale e sostenibilità dello sviluppo.

Il nuovo accordo, sottoscritto da Regione Emilia-Romagna, Upi, Anci, Uncem e Lega Autonomie, Unioncamere, associazioni imprenditoriali, organizzazioni sindacali regionali, Abi e rappresentanti del terzo settore, supera il precedente "Patto per attraversare la crisi" dell'8 maggio 2009: ciascun soggetto infatti, nel proprio ambito d’azione o di rappresentanza, dovrà sostenere le scelte strategiche generali non solo per proseguire il cammino per andare oltre la crisi, ma per cambiare passo e supportare una nuova stagione di crescita e sviluppo della società emiliano romagnola.

Gli assi fondamentali su cui si vuole orientare lo sviluppo sono fondati sul sapere, sulla green economy e sul made in Italy. Centrale sarà, infatti, il sostegno dell’export, le riforme strutturali delle istituzioni e della pubblica amministrazione, del welfare e del mercato del lavoro ma anche una forte spinta alla ricerca e alla innovazione.

Azioni sul documento

pubblicato il 2012/04/20 11:15:00 GMT+2 ultima modifica 2013-09-13T17:52:00+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina