venerdì 23.06.2017
caricamento meteo
Sections

Meccanica materiali, Ict e scienze della vita al Tecnopolo di Modena

La struttura ospita laboratori dedicati a settori fondamentali per l’economia locale

Specializzato in meccanica materiali, Ict e medicina rigenerativa, il Tecnopolo di Modena rappresenta una realtà importante per le imprese del territorio, porta d’accesso agli altri laboratori e a tutte le competenze dell’Università di Modena e Reggio Emilia e dell’intera Rete Alta Tecnologia, creata dalla Regione grazie anche a finanziamenti europei. La visita al Tecnopolo di Modena, l’8 luglio 2015, è stata la quarta tappa del Roadshow Emilia-Romagna Innovazione e territorio, promosso da Aster per illustrare i servizi dell'ente e i nuovi bandi del Por Fesr 2014-2020.

La struttura

Il polo di ricerca industriale, innovazione e trasferimento tecnologico, che ospita 300 ricercatori ed è costituito da laboratori dedicati a tre settori fondamentali per l'economia modenese, oltre a 11 spin off universitari, ha sede presso il Campus del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, in via Vivarelli a Modena. Promosso da Unimore, Provincia e Comune di Modena, Unione dei Comuni Terre di Castelli con il supporto della Camera di commercio locale e della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, ha come portale di accesso per le imprese la Fondazione Democenter.

I lavori per la realizzazione del Tecnopolo di Modena sono iniziati il 27 settembre 2012 e si sono conclusi il 31 maggio 2014.

Le cifre del Tecnopolo di Modena

L’investimento complessivo per il Tecnopolo di Modena ammonta a 5 milioni e 700.000 euro, ripartiti tra Regione Emilia-Romagna (3 milioni e 550.000 euro) e Unimore (650.000 euro).  La superficie è di 1861 mq e l’auditorium al suo interno può ospitare 280 persone.

Laboratori e servizi

Intermech MORE, centro interdipartimentale a cui afferiscono docenti e ricercatori del Dipartimento di Ingegneria “E. Ferrari” (DIEF) di Modena, del Dipartimento di Scienze Fisiche Informatiche e Matematiche (FIM) di Modena e del Dipartimento di Scienze e Metodi dell’Ingegneria (DISMI) di Reggio Emilia, offre alle imprese servizi specialistici di ricerca industriale per simulazione e progettazione avanzata per la meccanica, motoristica e automotive; soluzione di problematiche legate al comportamento dinamico delle macchine; energetica; progettazione di materiali e sistemi meccatronici; ottimizzazione delle superfici di contatto per problemi di attrito e usura. Intermech svolge le attività di ricerca correlate anche nei settori Ict, materiali e superfici, meccatronica, design industrialeSoftech – ICT, il centro promosso dal Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” e dal Dipartimento di Economia “Marco Biagi” promuove, coordina e svolge attività di ricerca applicata, industriale e di trasferimento tecnologico nel settore Ict, con competenze in sviluppo software per sistemi informatici e sistemi informativi; tecnologie visuali e analisi di dati multimediali; applicazioni Ict per l’elettronica, l’automatica e le telecomunicazioni; infrastrutture e sistemi distribuiti, mobili e cloud; modelli di business, marketing e organizzazione delle imprese.

Il CIDSTEM, Centro Interdipartimentale Cellule Staminali e Medicina Rigenerativa dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia ha sede presso il Centro di Medicina Rigenerativa “Stefano Ferrari”, punto di riferimento internazionale per le terapie avanzate mediante l’utilizzo di cellule staminali epiteliali, che dispone di una officina farmaceutica di produzione autorizzata GMP (Good Manufacturing Practice). Il primo prodotto attualmente disponibile è una coltura di cellule staminali corneali per la ricostruzione della cornea gravemente danneggiata da ustioni chimiche e termiche della superficie oculare con conseguente deficit di cellule staminali limbari.

Il portale

La Fondazione Democenter, infine, portale d’accesso al Tecnopolo, ha il compito di accogliere le imprese per comprenderne i bisogni e individuare i finanziamenti e le opportunità, attivando i soggetti presenti nella struttura così come le risorse e le competenze dell’Ateneo e di tutta la Rete Alta Tecnologia dell’Emilia-Romagna. Democenter, che ha sede nel Tecnopolo, riunisce istituzioni, associazioni di categoria, fondazioni bancarie e oltre 60 imprese del territorio.

Azioni sul documento
Pubblicato il 29/07/2015 — ultima modifica 29/07/2015
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it